Titolo – Una giornata di Susanna
Autore –  Mauro Leonardi
Formato – 14 x 21
Pagine – 192 
Anno edizione – 2018
Collana – Stories
Prezzo – € 16,00
ISBN – 978-88-7394-240-5

 

ACQUISTA

Quarta di copertina –  “E poi, di notte, arrivavano tutti i pensieri. Insieme alla paura e insieme ai perché. Arrivavano tutti di notte, in mezzo alla notte, nel punto più lontano dalla luce del domani. Nel punto più lontano da ieri con lui.” Susanna è una donna di mezz’età, è sposata, ha due figli, è cattolica, e quel giorno, senza abiurare a nulla di se stessa, decide di fare all’amore con l’uomo con cui lavora da anni.

Inizia così la giornata più importante della sua vita che Mauro Leonardi, con scrittura esatta e sapiente, ci racconta come un giallo dal primo all’ultimo minuto, senza risparmiarci nulla. Tra l’inizio e la fine delle ventiquattro ore, lì in mezzo, c’è il romanzo, anzi la storia. Perché è tutta di fantasia come un romanzo e tutta vera come una storia di vita. Inizia di notte con le paure di una donna, di quelle che ti svegliano e accendi la luce ma non vedi, e finisce con una notte in cui quelle stesse paure si sono fatte scelta, destino, gioia, dolore. Vita. E la medesima donna spegne la luce ma piena di vita: piena di una vita piena che vede e si vede. Che vede tutto l’amore che c’è in una vita, con tutti i nomi che l’amore ha: dalle amiche buddiste alle persone omosessuali. Amore che le parole non bastano a classificarlo. Perché se l’amore è tutto non lo classifichi ma lo chiami. E quel nome lo sa solo lei. Lo sai solo tu.

Mauro Leonardi è un prete che ha vissuto per vent’anni in Prati, uno dei quartieri più ricchi di Roma, e poi si è trasferito a Casal Bruciato, nelle periferie della Capitale. Ed è anche uno scrittore. Una giornata di Susanna è il suo terzo romanzo, ma ci sono anche tre saggi. Molto esposto sui social, ha un seguitissimo blog, Come Gesù. Scrive su Metro, ilsussidiario.net, Pasquino, e altre testate a larga diffusione. Qualsiasi cosa faccia, preferisce costruire ponti piuttosto che innalzare muri.